www.farmamica.comEMORROIDI

articolo controllato e approvato

Emorroidi: consigli utili
(a cura dello staff tecnico Farmamica®)


:: Che cosa sono le emorroidi?

Le emorroidi sono costituite essenzialmente da vasi sanguigni venosi, tessuto connettivo e muscolatura liscia strutturalmente simili a dei cuscinetti; sono tessuti riccamente vascolarizzati, che rivestono la parte inferiore del retto e che hanno la funzione di chiudere completamente il canale anale, contribuendo alla continenza fecale. Le emorroidi rappresentano uno dei problemi più comuni dell'intestino, anche se è difficile stabilirne la reale incidenza: solo una minoranza dei pazienti, infatti, consulta il medico. Si calcola tuttavia che, nei paesi industrializzati, ne soffra almeno il 50% della popolazione adulta. I sintomi della malattia emorroidaria sono diversi a seconda che si tratti di emorroidi interne (cfr. reperto A) o esterne (cfr. reperto B).
Le emorroidi interne - ossia posizionate dentro l'ano - provocano dolore, sanguinamento e prurito solo in relazione al passaggio delle feci e possono essere considerate lo stadio iniziale della malattia.
Col passare del tempo la malattia progredisce e i cuscinetti emorroidari dapprima fuoriescono durante la defecazione ma rientrano spontaneamente, poi rientrano solo sospingendoli manualmente all'interno dell'ano; infine rimangono definitivamente esterni (prolasso emorroidario). A questo stadio sono estremamente dolorose e frequentemente possono complicarsi con la formazione di coaguli nel loro interno (cfr. —› trombosi emorroidaria).

Reperto A: Emorroidi interne Reperto A. Emorroidi interne
Reperto B: Emorroidi esterne Reperto B. Emorroidi esterne

Torna su - Back on top


:: Quali sono le cause delle emorroidi?

  • Predisposizione genetica
    La predisposizione ereditaria, associata ad alcuni comportamenti individuali ed a fattori socio-ambientali, giocano un ruolo chiave nel provocare la comparsa delle emorroidi.
  • Stipsi
    Chi soffre di stitichezza per un periodo di tempo prolungato è ad alto rischio di emorroidi. Lo sforzo indispensabile per l'evacuazione può portare alla dilatazione delle vene all'interno del canale anale.
  • Emissione di feci dure
    Feci dure possono portare alla formazione di emorroidi interne a causa della pressione esercitata sul canale anale. Per evitare questo problema è necessario aumentare l'apporto di fibre nella dieta, introducendo alimenti quali cereali, frutta e verdure.
  • Cattiva abitudine a rimanere a lungo seduti sul water
    Determina una pressione prolungata sulle vene emorroidarie.
  • Gravidanza […]
    Le emorroidi in gravidanza colpiscono approssimativamente il 30% delle donne incinte, durante o anche dopo la gravidanza. La causa è un aumento della pressione sanguigna sulle vene del retto dovute al peso del feto. Le emorroidi interne possono formarsi anche a causa degli sforzi compiuti durante il parto.
  • Sollevamento pesi
    I “palestrati” sono spesso colpiti da emorroidi esterne o interne. Anche in questo caso le cause sono dovute allo sforzo che il corpo deve sopportare durante gli esercizi di sollevamento pesi. Gli esercizi vivamente sconsigliati in caso di emorroidi sono lo squat ed il leg press.
  • Diarrea
    Periodi prolungati di diarrea sono spesso collegati alla comparsa di emorroidi interne.

Torna su - Back on top


:: Che cosa fare in caso di emorroidi?

I sintomi che più frequentemente lamentano i pazienti affetti da malattia emorroidaria sono rappresentati dal sanguinamento (spesso senza dolore), dal prolasso - con fastidioso ano umido e prurito - e dalle fasi acute cosiddette di “crisi emorroidarie” (cfr. —› trombosi emorroidaria).

Il sanguinamento di solito è di colore rosso vivo ed è separato dalle feci, e spesso si manifesta come gocciolamento nel water immediatamente dopo la defecazione. Raramente tuttavia il sangue si presenta scuro nei casi in cui è stato trattenuto nel retto per molto tempo.

Il prolasso del plesso emorroidario interno indica uno stadio più avanzato della malattia emorroidaria e la sua severità può essere un parametro per giudicare la gravità della patologia. Il prolasso può verificarsi solo al momento della defecazione con riduzione spontanea nel canale anale al termine della stessa (—› emorroidi di II grado) o mediante opportune manovre manuali del paziente (—› emorroidi di III grado). Nei casi più gravi il prolasso diviene permanente (—› emorroidi di IV grado).
Il disagio è il sintomo prevalente nel prolasso: il paziente riferisce un senso costante di pienezza nel perineo e lo stimolo continuo alla defecazione (cd. tenesmo rettale). Un dolore particolarmente acuto può tuttavia essere segno di trombosi emorroidaria.

:: Misure dietetico-comportamentali a carattere generale ::

  • La stitichezza, qualora presente, deve essere corretta: diminuendo la consistenza delle feci si rende l'evacuazione più facile e meno dolorosa. Sarà quindi introdurre nella dieta una maggior quantità di fibre (alimenti integrali, cereali, frutta e verdura) e cercare di bere molta acqua […], evitando alimenti “irritanti” come ad es. gli alcolici ed i superalcolici, le bevande nervine (tè e caffè), i cibi fritti, salati e speziati (in primis peperoncino e pepe), la frutta secca, gli insaccati ed i crostacei, i dolci (in particolare il cacao). Per chi non riesce a modificare il proprio regime alimentare o qualora questo fosse insufficiente, consigliamo i prodotti a base di crusca (es. cruscasohn®, crusca albios®), psyllio o glucomannano (es. psyllovita®, psyllogel® , dulcofibre®, fibrolax®, sollievo liofibra®), i quali sono una valida alternativa (da 5 a 10 g con molta acqua 2 o 3 volte al giorno). L'uso di altri lassativi che non agiscono sul volume e sulla consistenza delle feci è irrazionale e, alla lunga, pericoloso. Per correggere la stipsi, è raccomandabile l'impiego di fermenti lattici contenenti ceppi di lattobacilli (es. Lactobacillus acidophilus – es. axidophilus®).
  • Il prurito può essere alleviato con una accurata igiene locale: lavaggi con acqua tiepida e sapone acido, asciugando senza sfregare, ma tamponando delicatamente. L'uso di soluzioni disinfettanti è pressoché inutile.
  • Altre indicazioni:
    • assecondare lo stimolo della defecazione,
    • non stare seduti sul water più a lungo del necessario;
    • evitare di stare seduti troppo a lungo;
    • evitare di sollevare oggetti pesanti.
  • È assolutamente sconsigliato l'uso di ciambelle gonfiabili per sedersi, dato che aumentano l'effetto pressorio verso il basso esercitato sulle emorroidi.


:: Misure igienico-comportamentali in caso di crisi emorroidaria con emorroidi trombizzate ::
  • Bere molta acqua: è consigliabile bere almeno 8-10 bicchieri di acqua al giorno, lontano dai pasti. Si può iniziare la giornata bevendo 2 bicchieri di acqua immediatamente dopo essersi svegliati, proseguendo con 2 bicchieri prima di colazione, pranzo, cena e prima di coricarsi.
  • Evitare assolutamente di fare sforzi durante l'evacuazione. Se si hanno difficoltà ad andare di corpo è necessario ammorbidire le feci attraverso la dieta e come anzidetto […].
  • Usare carta igienica precedentemente umidificata per pulirsi dopo l'evacuazione: la carta igienica diviene, infatti, più soffice causando meno irritazioni.
  • Fare bidet con acqua tiepida diverse volte al giorno: in tal modo si riduce il dolore e si pulisce la zona affetta. Talvolta, coloro che soffrono di emorroidi trombizzate sono impossibilitati a sedersi a causa dell'intenso dolore: in questi casi è sufficiente bagnare manualmente la zona con acqua tiepida per qualche minuto.
  • Dopo un'accurata detersione, applicare una o due volte al dì sull'emorroide una pomata anestetica locale per alleviare il dolore […].
  • Assumere un antinfiammatorio per via orale: se non si è in gravidanza o allattamento, è consigliabile assumere un FANS per donare un temporaneo sollievo riducendo l'infiammazione ed il dolore associati (es. ibuprofene, moment®, calmine®, cibalgina due fast®, cibalgina dol®, algofen®, antalgil®, buscofen®, nurofen®, ecc…).
  • Migliorare il tono venoso: se il dolore è sopportabile, è consigliato camminare per almeno 20 minuti al giorno.


:: Terapia flebotonica ::
Dopo aver sentito il parare del proprio medico curante, si potrà anche ricorrere all'assunzione di opportune sostanze capillaroprotettrici (i cd. vasoprotettori sono generalmente sempre controindicati in gravidanza!), quali ad esempio: diosmina (arvenum®, daflon®, alven®, venosmine®), oxerutina (o-β-idrossietil rutosidea - venoruton®), complesso antocianosidico del mirtillo al 36% in antocianosidi (mirtillina - tegens®), estratti di centella asiatica (asiaticoside - centellase®), oligomeri procianidolici (OPC) estratti dai semi dei chicchi di vite rossa (fleboral 300®). I preparati a base di escina (es. edevexin®, reparilexin®, ma anche l'integratore freeven®), invece, sono impiegabili in gravidanza: il foglietto illustrativo dei farmaci a base di escina recita testualmente “Nello stato gravidico non esistono controindicazioni manifeste, tuttavia si ritiene opportuno escludere l'uso del farmaco nei primi tre mesi di gravidanza e durante l'allattamento”.

Torna su - Back on top


:: Emorroidi & Gravidanza

Le emorroidi in gravidanza sono una patologia comune tra le donne incinte, circa il 30% delle donne soffre di emorroidi prima, durante e dopo la gravidanza.
Se una donna ha sofferto di emorroidi in passato è molto probabile che ne soffrirà ancora durante la gravidanza o subito dopo il parto.
Di solito le emorroidi nelle donne incinte cessano dopo il parto, ma in taluni casi possono diventare un problema continuo.

Segnaliamo, infine, che la somministrazione topica di corticosteroidi in animali gravidi può causare anomalie nello sviluppo del feto, incluso palatoschisi e crescita intrauterina ritardata. Tali rischi sul feto umano potrebbero essere molto ridotti. Per tali motivi l'uso del prodotto durante la gravidanza è riservato ai casi di stretta necessità sotto accurato controllo del medico.

Torna su - Back on top


:: Medicamenti disponibili e loro controindicazioni

Innanzitutto, un eventuale trattamento farmacologico, qualora necessario, non deve mai essere disgiunto dai provvedimenti igienico-, dietetico-comportamentali sopramenzionati.

Creme e pomate per emorroidi (cd. antiemorroidali) - in linea di massima - sono preferibile alle supposte: sono, infatti, più facili da applicare (sono dotate di appositi beccucci applicatori per l'interno e/o di ditali di gomma per applicazione esterna) ed il principio attivo si distribuisce meglio. Vale la pena sottolineare che si tratta di farmaci che agiscono sui sintomi senza intervenire sulle cause. Le numerose preparazioni ad uso locale in commercio sono a base di cortisonici e anestetici locali, anche associati fra loro, o a base di altri principi attivi. I cortisonici topici leniscono l'infiammazione, il prurito e l'edema, mentre gli anestetici locali hanno la funzione di alleviare il dolore: l'uso prolungato, tuttavia, può portare a fenomeni di sensibilizzazione ed irritazione della zona trattata.

In taluni casi, affinché il beneficio possa essere più consistente e duraturo, sono necessari cortisonici più potenti quali ad es. il fluocortolone (ultraproct®) e il fluocinolone (proctolyn®).

Alcune formulazioni topiche contengono sali di bismuto (es. anusol®), sulla base della presunta azione astringente della sostanza. Altre preparazioni topiche contengono eparinoidi (es. proctosoll®) e rutosidi (es. emorril®), che risultano meno efficaci rispetto alle preparazioni a base di cortisonici. Altre, infine contengono sostanze sclerosanti come il dobesilato di calcio (es. doxiproct®) particolarmente utili in caso di sanguinamento persistente.

Se nell'arco di una settimana il trattamento non ottiene alcun miglioramento, sarà sentito il parere del medico. Nonostante il miglior trattamento possibile, spesso la sintomatologia si ripresenta. In caso di fallimento ripetuto dei provvedimenti dietetico-comportamentali e farmacologici, si dovrà ricorrere a trattamenti chirurgici (emorroidectomia) o alternativi (legatura con elastici, scleroterapia).

NOME COMMERCIALE PRINCIPIO(I) ATTIVO(I) INDICAZIONI TERAPEUTICHE
Pomate per emorroidi cortisoniche con o senza anestetico locale (+ altri p.a.)
prepacort h®
PREPACORT H*CREMA 20 G (Pfizer Italia S.r.l.)
idrocortisone (cortisonico di classe IV - potenza bassa) + benzocaina

(OTC - medicinale di automedicazione)
Emorroidi esterne non complicate e loro conseguenze come prurito anale.
emorril®
EMORRIL*POM 40 G 1+1,5G/100G (SpecialitÓ Igienico Terapeutiche S.I.T. S.r.l.)
idrocortisone (cortisonico di classe IV - potenza bassa) + lidocaina

(SOP - medicinale non soggetto a prescrizione medica)
Emorroidi interne ed esterne, complicanze delle emorroidi (eczemi, eritemi, ragadi, prurito, bruciore); trattamento pre e post operatorio in chirurgia anorettale.
proctosedyl®
PROCTOSEDYL*CREMA RET. 20 G (Bayer S.p.A.)
idrocortisone (cortisonico di classe IV - potenza bassa) + esculoside + amilocaina + benzocaina + benzalconio cloruro

(OTC - medicinale di automedicazione)
trattamento sintomatico delle emorroidi, interne o esterne, specie nelle fasi infiammatorie. Prurito anale.
proctosoll®
PROCTOSOLL*CREMA RET 20G (Alfa Wassermann S.p.A.)
idrocortisone (cortisonico di classe IV - potenza bassa) + benzocaina + eparina sodica

(OTC - medicinale di automedicazione)
trattamento sintomatico di emorroidi esterne non complicate.
proctofoam hc®
PROCTOFOAM HC*SCHIUMA RET24G (Meda Pharma S.p.A.)
idrocortisone acetato (cortisonico di classe IV - potenza bassa) + pramoxina cloridrato

(OTC - medicinale di automedicazione)
trattamento del dolore e dell'infiammazione del canale anale dovuti alla presenza di emorroidi, proctiti, criptiti, ragadi, fissure, prurito anale; dopo chirurgia ano-rettale.
proctolyn®
PROCTOLYN*CR RETT. 30 G (Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A.)
fluocinolone acetonide (cortisonico di classe II - potenza alta) + ketocaina

(OTC - medicinale di automedicazione)
Emorroidi interne ed esterne. Eczemi ed eritemi anali e perianali. Ragadi anali. Prurito e bruciore anale e perianale. trattamento pre e post operatorio in chirurgia anorettale.
doxiproct®
DOXIPROCT*CR RETT. 30 G (Abiogen Pharma S.p.A.)
desametasone acetato (cortisonico di classe II - potenza alta) + calcio dobesilato + lidocaina cloridrato

(OTC - medicinale di automedicazione)
Emorroidi interne ed esterne. Prurito anale. Anite, perianite, criptite, papillite, trombosi emorroidarie acute, ragadi. trattamento pre e post operatorio dell'emorroidectomia. Emorroidi della gravidanza.
ultraproct®
ULtrAPROCT*UNG. RETT. 30 G (Bayer S.p.A.)
fluocortolone pivalato (cortisonico di classe II - potenza alta) + fluocortolone caproato (cortisonico di classe II - potenza alta) + cincocaina

(SOP - medicinale non soggetto a prescrizione medica)
Emorroidi interne e esterne, ragadi anali, proctiti.
Pomate anestetiche locali proctologiche
emoren®
EMOREN*0,25% CREMA RET20 G (Centrofarma s.r.l.)
oxetacaina cloridrato

(OTC - medicinale di automedicazione)
Per ridurre la sintomatologia dolorosa dovuta a emorroidi interne ed esterne, eczema perianale, ragadi, prurito anale, proctite.
tronotene®
trONOTENE*1% CREMA 30 G (Teofarma)
pramocaina cloridrato

(OTC - medicinale di automedicazione)
Sintomatico nel trattamento delle emorroidi. In tali casi si consiglia, contemporaneamente all'uso di tronotene, di mantenere una buona igiene anale, di lavare accuratamente la parte dopo ogni evacuazione, di curare particolarmente la buona funzione intestinale attraverso una dieta ricca di scorie e di fibre vegetali. La pomata trova inoltre impiego, come sintomatico, nelle dermatiti pruriginose di diversa natura, nel prurito ano-genitale e nelle scottature ed ustioni.
Pomate anestetiche locali proctologiche + altri p.a.
recto-reparil®
RECTOREPARIL*4,5%+0,5%CR40G (Rottapharm-Madaus S.r.l.)
tetracaina + escina

(SOP - medicinale non soggetto a prescrizione medica)
Sindrome varicosa anorettale, emorroidi esterne e interne. Complicanze delle emorroidi: congestione anale, prurito anale; proctiti; ragadi anali.
ruscoroid®
RUSCOROID*1%+1% CREMA 40G (Sanofi-Aventis S.p.A.)
tetracaina + ruscogenina

(OTC - medicinale di automedicazione)
trattamento dei sintomi associati a emorroidi, ragadi anali e proctiti quali: prurito, dolore e senso di peso.
sulgan®-n
non in commercio in Italia
lidocaina cloridrato + triclosan + alcool dicloro benzilico + acidi linoleico/linolenico

(medicinale non in commercio in Italia)
Non in commercio in Italia.
antrolin®
ANtrOLIN*0,3%+1,5%CR 30 G (New Fa.Dem. Farmaceutici e Chimici S.r.l.)
lidocaina + nifedipina

(RR - medicinale etico soggetto a prescrizione medica ripetibile)
trattamento della ragade anale e proctalgie in genere associate a ipertono sfinterico anale.
Pomate antiemorroidali indicate in gravidanza
preparazione h®
PREPARAZIONE H*1,08% UNG.25G - Pfizer Italia S.r.l.
lievito di birra

(OTC - medicinale di automedicazione)
Emorroidi esterne e interne non complicate e ragadi anali.
hemoclin®
HEMOCLIN*GEL 45G C/APP (Bouty S.p.A.)
aloe vera

(dispositivo medico CE)
Utile in caso di disturbi perianali (irritazione, prurito, bruciore e sensibilità).
hemoclin®
HEMOCLIN*GEL 30G (Bouty S.p.A.)
aloe vera

(dispositivo medico CE)
Utile in caso di disturbi perianali (irritazione, prurito, bruciore e sensibilità).
turnover® recto
TURNOVER RECTO*GEL RET 6X5ML (Mastelli S.r.l.)
polinucleotidi

(dispositivo medico CE)
Svolge attività protettiva, emolliente e lubrificante sulla mucosa anale. Favorisce i processi di riparazione e riepitelizzazione. Favorisce la decongestione delle aree trattate.
pomata e
emorrid sollievo

ERBA VITA*POMATA E 50ML (Erba Vita Italia S.p.A.)
Contiene estratti di: Cucurbita pepo, Quercus robur, Aesculus hippocastanum, Hamamelis virginiana, Salvia officinalis, Mentha piperita e Olea europaea.

(dispositivo medico CE)
  • Utile per attenuare i disturbi emorroidali.
  • Intensa azione lubrificante ed emolliente.
  • Aiuta a d alleviare i fastidiosi sintomi quali dolore, bruciore e prurito.
fitoroid® biopomata
FITOROID*POM ENDORET B 40ML (Aboca S.p.A. - SocietÓ agricola)
helydol

(dispositivo medico CE)
Coadiuvante specifico per il trattamento della sindrome varicosa emorroidaria (emorroidi interne ed esterne).
emortrofine® crema
EMORtrOFINE*CR PROCTOLOG 30 (Alphrema S.r.l.)
A base di: estratto secco di Boswellia (Boswellia serrata), lisina cloridrato, rame pidolato.

(dispositivo medico CE)
Dispositivo medico con azione emolliente e umettante, indicato in soggetti che presentano sintomi di patologia emorroidaria, proctiti e ragadi anali, tipo bruciori o pruriti.
centeril h® crema
CENTERIL H*CR LEN ANO-PERI40 (Errekappa Euroterapici S.p.A.)
Zea mays (Epaline 100 DM)*

(parafarmaco uso umano)


(*) Brevetto USA n. 5.254.585
Crema lenitiva ano-perianale.
euflux®
EUFLUX*POM 75G
aesculus hippocastanum + hamamelis virginiana + tessuto venoso emorroidale + aloe ferox + viburnum prunifolium

(medicinale omeopatico)
Medicinale omeopatico: perciò senza indicazioni terapeutiche approvate.
avenoc®
AVENOC*POM 30G
ficaria ranunculoides + paeonia officinalis + adrenalinum + amyleini hydrochloridum

(medicinale omeopatico)
Medicinale omeopatico: perciò senza indicazioni terapeutiche approvate.

Per ulteriori informazioni, consigliamo di visitare il sito wikipedia, l'enciclopedia libera.

Torna su - Back on top


 Di seguito, alcuni dei prodotti disponibili sul sito
Farmamica per la cura e la prevenzione delle emorroidi
:


Anonet Liquido
 
Detergente H
 
Proctolyn Integra Plus Bustine
 
HemoClin Spray
     

 Puoi cercare altri prodotti disponibili
sul sito Farmamica utilizzando la
chiave di ricerca “emorroidi”.

Offrici un caffè!
Quando qualcuno ci dà una mano, siamo soliti offrirgli un caffè per ringraziarlo.
Se ti siamo stati d'aiuto, offricene uno: te ne saremo grati.

Torna su - Back on top


   

 

 
 
>> FARMAMICA >>